roma
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Truffa ai Parioli

Il doppiatore di Mel Gibson dice la sua sulla truffa subita dai vip

Sorrentino: "Era un affare che si reggeva su un meccanismo psicologico sottile"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Arrivano, insieme alle denunce, le prime testimonianze di alcuni dei vip truffati con operazioni di credito azzardate. Parla Sorrentino, doppiatore di Mel Gibson e John Travolta. Ci tiene a sottolineare che, i giornali in questi giorni, hanno posto l’attenzione sullo scarso grado di attenzione che i truffati hanno prestato all’affare, dando così l’immagine di persone avide e poco furbe. Sorrentino si confessa al Messagero: “ Mi viene in mente una battuta di Mel Gibson che ho interpretato in uno dei tanti film, non ricordo quale: 'rivoglio i miei dollari, non uno di piu'". In merito alla truffa ai Parioli che ha visto tra le vittime diversi personaggi dello spettacolo. "Era un affare che si reggeva su un meccanismo psicologico sottile: era il cliente a decidere cosa fare, assumendosi la responsabilita' della scelta - spiega Sorrentino - ognuno optava per un prodotto finanziario in base a quanto intedeva guadagnare". "L'unica possibilita' per recupare parte dei soldi - aggiunge Sorrentino - e' quella di associarsi alla denuncia. L'ho fatto, ovviamente, ma di questo aspetto se ne sta occupando mia sorella, al momento non me la sento". "Vorrei chiarire una cosa, perche' in questi giorni ho letto cronache che non danno una giusta rappresentazione della vicenda - continua Sorrentino - Noi truffati siamo stati dipinti o come imbecilli o come avidi, e non e' cosi', almeno non per tutti''. ''Ai clienti - spiega il doppiatore - venivano offerte molteplici possibilita' di investimento: fondi, obbligazioni, prodotti 'derivati' e rischiosi. Insomma non c'era solo un investimento con tassi dal 10 al 20%. Purtroppo solo di questo si e' parlato in questi giorni". "Non c'era nulla che destasse sospetto - aggiunge - o cosi' sembrava. Ci presentavano documenti, ricevute, fogli intestati: tutto appariva perfettamente in regola"

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]