roma
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Roma 2013

Parte dal Brancaccio la sfida di Alemanno per Roma 2013

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

di Francesca Siciliano - «Anche noi siamo qua». Inizia cosí, dal palcoscenico del Teatro Brancaccio, il discorso di Gianni Alemanno, sindaco della Capitale, che lancia oggi la sua seconda candidatura al Campidoglio e la lista civica "Rete attiva x Roma" che lo sosterránella cavalcata elettorale fino al prossimo aprile. «Siamo qua perché é un momento di scelte e non possiamo piú attendere», sottolinea per rimarcare anche il titolo scelto per la manifestazione "Non possiamo piúattendere".

Non si candiderà alle primarie del partito, dunque, lo ripete piúvolte, e conferma il suo appoggio ad Angelino Alfano. Ma il suo sará«un appoggio pesante e ingombrante», al fine di costituire un progetto politico nuovo ed efficace che non porti a un totonomine di "calati dall'alto". Lo ammette, per un momento ha pensato di scendere in campo, di candidarsi alle primarie Pdl dal momento che intorno a se avrebbe avuto il consenso (e i numeri) per farlo. Ma oggi mette la parola fine alla vicenda che fino a ieri lo vedeva come un possibile antagonista del segretario. «Le primarie le ho invocate io per primo - aggiunge - e da quando Alfano é diventato segretario è passato troppo tempo, per questo stavo pensando di candidarmi». Poi si scaglia contro quella fetta di partito - «gli impresentabili»- che finora hanno solo «appesantito le liste» del Pdl. Le primarie, dunque, devono servire a ispirare un cambiamento, devono essere fatte con il giusto metodo, ma devono anche portare contenuti trovando (anzi, ritrovando) la sintonia con i cittadini.

Primarie aperte e che riuniscano «tutti coloro che si dichiarano alternativi alla sinistra e che non si riconoscono nella foto di Vasto», tutti i moderati. É la parola chiave, il leitmotiv delle due ore durante le quali ininterrotamente, il sindaco, appassionato e battagliero, non ha mai smesso di parlare. «Tutti devono concorrere alla creazione di un nuovo centrodestra, anche Gianfranco Fini», sostiene riferendosi all'apertura del Presidente della Camera nei confronti di Alfano.

Parole di fuoco, infine, nei confronti del Movimento 5 Stelle e della Lega Nord: «Non abbiamo bisogno di pagliacci come Beppe Grillo per rappresentare l'Italia. Giá vent'anni fa é successo con le popolazioni del nord che hanno dato eccessivo credito al partito di Bossi e abbiamo visto come é andata a finire». In pratica, dietro Grillo non c'éniente: fuffa, mera e sterile antipolitica che non risolleverà né il paese né Roma Capitale.

Lancia, in chiusura, un attacco alla sinistra capitolina e a Nicola Zingaretti, attuale Presidente della Provincia e candidato del Pd alla Regione Lazio: «La sinistra romana é la peggiore d'Europa e il garante della peggior sinistra che opera nella nostra cittá é Zingaretti». Poi chiosa: «Speravano di farmi cadere sotto i loro colpi, ma io sono qui ed é per questo che vi dico: non ce l'avete fatta».

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]