roma
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Danza

I tre giganti della danza al Teatro dell'Opera

Da stasera fino a domenica 8 Béjart - Balanchine - Robbins incantano Roma
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Debutta questa sera al Teatro dell’Opera, e sarà in scena fino a domenica, uno spettacolo di danza con i capolavori di tre dei più grandi protagonisti della danza nella seconda metà del Novecento: Maurice Béjart - George Balanchine - Jerome Robbins, sulle musiche di Gounod, Chaikovsky, Chopin e Offenbach.

Prima coreografia in programma Walpurgisnacht Ballet di George Balanchine. La versione, ripresa da Ben Huys è stata creata nel 1970 per un allestimento del Faust al Théâtre National de l'Opéra di Parigi e dal 1980 viene presentato per la prima volta come un lavoro indipendente dal New York City Ballet.A seguire il Chaikovsky Pas de deux, coreografia sempre di Balanchine creata per il New York City Ballet nel 1960 sulla base della musica, scoperta nel 1953, composta da Chajkovskij per il terzo atto de Il lago dei Cigni e mai pubblicata con il resto della partitura originale e già andata in scena al Teatro dell’Opera nella stagione 1980/81 con due grandi interpreti: Elisabetta Terabust e Peter Schaufuss.

In the night, balletto in quattro movimenti di Jerome Robbins, debuttò a New York il 29 gennaio 1970 allo State Theatre con il New York City Ballet. I Notturni di Frederic Chopin fanno da sottofondo alla lineare costruzione coreografica di cui sono protagoniste tre coppie di giovani dalle relazioni contrastate. Nel vasto arco creativo di Robbins, In the night è, con Dances at a Gathering, uno dei balletti di più puro stile accademico, ricco di passi e figure espresse in termini di ininterrotto movimento.

Di Béjart, infine, viene presentata la suite tratta da Gaîte parisienne, ripresa da Piotr Nardelli, creata per il Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles nel 1978. Sulla musica di Jacques Offenbach, Béjart, in una visione ampiamente autobiografica, racconta le fantasie oniriche di un giovane che arriva a Parigi per studiare danza. Il balletto, ambientato in un café alla moda della Parigi del Secondo Impero, accoglie in sé un’ampia varietà di danze, dal can can alla quadriglia, a rappresentare i personaggi appartenenti alle diverse classi sociali. Il Teatro dell’Opera di Roma ha già ospitato il balletto nel 1980 proprio nella versione di Béjart con il Ballet du XXèmè Siècle e la partecipazione di Micha van Hoecke nel ruolo di Offenbach.

In queste cinque serate di pura poesia a passo di danza, si uniscono quindi le opere dei tre artisti che condensano e racchiudono buona parte del patrimonio danzante mondiale della seconda metà del novecento. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati e non arricchito anche dalla presenza, insieme ai Primi Ballerini della compagnia del Teatro dell’Opera, degli ospiti Giuseppe Picone e Alessandro Riga. Sul podio, invece, il maestro Nir Kabaretti. 

Prima: martedì 3 maggio (ore 20.30)
Repliche: mercoledì 4 (ore 20,30), venerdì 6 (ore 17), sabato 7 (ore 18), domenica 8 (ore 17)
Info: www.operaroma.it

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]